24/05/2024

Isola d’Elba, tutto quello che serve sapere per organizzare una vacanza

Isola d’Elba, tutto quello che serve sapere per organizzare una vacanza

L’isola d’Elba è la più grande dell’Arcipelago Toscano, con i suoi 147 chilometri di costa e gli scorci mozzafiato, che ogni anno attirano migliaia di visitatori. Il paesaggio è tipicamente mediterraneo con la sua vegetazione rigogliosa che riempie di splendidi colori l’entroterra e crea suggestivi paesaggi a diretto contatto con le acque cristalline del mare.

Può offrire diverse attività a chi intende trascorrere alcuni giorni di vacanza proprio in questa terra, dalle attività sportive da praticare in mare o sulla terra ferma, come vela, surf, immersioni, trekking, bicicletta o semplici passeggiate.

È una terra ricca di storia, attrattive, santuari, orti, percorsi e sentieri che si dispiegano lungo le pendici del Monte Capanne o la costa, dove calette si alternano a lunghissime spiagge.

Vale certamente la pena visitare i suoi borghi più belli, costieri o interni, partecipare a festival, sagre, eventi e gustare il suo buon cibo e buon vino.

Una vacanza all’Elba, vuol dire quindi immergersi in uno dei tanti paradisi terrestri del Bel Paese e lasciarsi coinvolgere dalle sue tradizioni, per questo motivo vale la pena visitarla durante tutte le stagioni dell’anno, da soli, con la dolce metà, in compagnia di amici e famiglia.

Ecco alcune informazioni utili per organizzare al meglio una vacanza sull’Isola d’Elba.

Come arrivare

Il mezzo prediletto per raggiungere l’isola è senza dubbio il traghetto; confronta online orari e prezzi 2023 dei traghetti per l’isola d’Elba, per avere un’idea chiara delle tariffe, delle tratte e della frequenza con cui ognuna parte per raggiungere i porti di destinazione.

In linea di massima le partenze dall’Italia avvengono dal porto di Piombino, in Toscana, per arrivare ai porti di Portoferraio, Rio Marina o Cavo, i principali dell’isola.

Ci sono anche partenze dalla Corsica, per chi intende ampliare il giro e visitare anche altre zone fuori nazione.

In alternativa, è possibile raggiungere questa meta via aereo, atterrando all’unico aeroporto disponibile, ovvero Marina di Campo.

Cosa vedere

Per trascorrere una vacanza completa e senza perdersi nessuna delle principali attrattive dell’isola, è necessario pianificare bene gli itinerari da seguire, senza lasciare fuori nulla e compatibilmente con il tempo che si ha a disposizione.

Certamente è importante includere le spiagge e una giornata al mare, soprattutto se ci si reca in estate. In quanto a spiagge, c’è solo l’imbarazzo della scelta; Le Ghiaie, Capo Bianco e Seccione, se si amano quelle caratterizzate da ghiaia bianca, o ancora Procchio, Lacona, Cala Seregola, Biodola, per le distese di sabbia finissima, o Viticcio e Piscine di Secchetto, per i più avventurieri in cerca di scogliere da cui tuffarsi.

Si può inserire nel percorso anche una visita all’Orto dei Semplici e, in generale, una passeggiata all’interno del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, dove trionfa la macchia mediterranea e ci si può avventurare nei boschi e nei borghi arroccati sulle pendici del Monte Capanne.

Proprio i borghi sono il fiore all’occhiello dell’isola, caratterizzati da fitti boschi, natura incontaminata, scorci medievali e angoli da cartolina affacciati sul mare.

Tra i più belli, non vanno dimenticati Capoliveri, Porto Azzurro e Lacona, giovani, mondani, ricchissimi di locali e di una frizzante vita notturna, dove si distendono le spiagge più famose e frequentate, ma anche le botteghe artigiane.

Anche Campo d’Elba è un buon compromesso per chi vuole sposare la montagna al mare, trascorrendo alcuni momenti nelle cornici più glamour e altri ad ammirare eremi, torri, castelli e santuari tipici dei paesaggi più montani.

Portoferraio, invece, è perfetto anche per le trasferte di un solo giorno, per ricalcare le orme di Napoleone Bonaparte, durante il suo esilio.